Numero Verde Chat Servizi Territoriali

GIOCO E DEPRESSIONE

Il gioco puo' avere un impatto sull'umore, anche nei momenti in cui le persone non sono impegnate in attività di gioco. In che modo il gioco influenza l'umore?

Le perdite economiche possono essere causa di cattivo umore, per via degli effetti negativi sui rapporti con gli altri, ma anche con se stessi, per delusione, perdita di autostima, sentimenti di vergogna e colpa.
Molti giocatori riferiscono di sentirsi “giù”. Ciò può significare molte cose, dal sentirsi depressi allo stare davvero male.
I segnali di depressione possono includere
 
  • Irritabilità e frustrazione crescenti
  • Perdita di interesse in altre attività e nella compagnia degli amici
  • Sensazione di stanchezza e inutilità 

Quanto sono legati depressione e gioco?

Studi recenti hanno dimostrato come le persone con un problema di gioco attraversino molto spesso momenti di depressione più o meno gravi. Tuttavia la connessione tra umore e gioco non è sempre a senso unico. Ad esempio, sentirsi depressi, “giù” o soli può aumentare il rischio che le persone sviluppino o accrescano i propri problemi con il gioco perchè le persone possono usare il gioco come un momento di pausa o evasione dalle sensazioni e situazioni negative, ma allo stesso tempo il gioco può rappresentare un modo per “tirarsi su” o per sentirsi in contatto con altre persone.
L’umore negativo di una persona può accrescere il rischio che questa giochi sempre di più; inoltre, il fatto stesso di giocare può mascherare un sottostante stato depressivo.

 
Si può gestire il gioco e la depressione

E' importante che tu riconosca e comprenda sia gli aspetti salienti del tuo umore che del tuo comportamento di gioco. 
Ad esempio, se sei consapevole di giocare perché ti senti solo, sarà importante considerare entrambi gli aspetti per decidere un piano d’azione per riprendere il controllo sulla tua vita.
Se pensi di essere stato depresso anche prima di aver cominciato a giocare, potresti  cercare un sostegno professionale per combattere la depressione.
Se ritieni che questo sia un problema per te
 
  • Parla con qualcuno di cui ti fidi e che sai che ascolterà le tue preoccupazioni
  • Rivolgiti ai servizi e ai professionisti sul tuo territorio per valutare la situazione e fornirti indicazioni per un trattamento, se necessario.
  • Parla con un consulente psichiatra che potrebbe aiutarti ad esplorare alcune opzioni e a pensare a cosa vuoi fare.